Zoe Hu | Al Jazeera

Sintesi tradotta

Gli artifici retorici hanno consentito ad Assad di trascurare le riforme politiche e di coltivare il supporto con l’elite benestante. Nel gennaio 2011, i cittadini di tutto l’Egitto e la Tunisia hanno dato il via a dimostrazioni contro i loro governi. Le loro richieste di cambiamento sono esplose in una indignazione collettiva che, in Tunisia, ha rapidamente portato all’esilio del presidente.  Prima che iniziasse l’anno della famosa primavera, le agitazioni popolari scuotevano alcuni dei regimi più radicati nella regione. Ma tutto questo non aveva ancora toccato la Siria.
In un’intervista con il Wall Street Journal, il presidente siriano Bashar al-Assad ha riconosciuto il volume crescente di rivolte nei paesi vicini, ma ha rapidamente risposto : “La Siria è stabile”, ha detto. Prima di essere denunciato a livello internazionale come criminale di guerra, Assad una volta rappresentava il cambiamento per la Siria. La sua ascesa al potere nel 2000, ha segnato la fine di un lungo governo, notoriamente brutale, di suo padre, Hafez.

Samer Abboud, professore associato presso l’Arcadia University che ha scritto molto sulla Siria, ha detto che questa era la rappresentazione comune del governo di Assad. “Ci sono un paio di narrazioni dominanti veramente semplicistiche nel modo in cui inquadrano la presidenza di Assad”, ha detto Abboud. “In questa teoria, c’è una vecchia guardia [dei politici] e Assad ha rappresentato la nuova guardia che doveva prenderli in consegna”. La vecchia guardia, presumibilmente composta da politici della generazione del padre di Assad, è diventata una comoda fonte di colpa quando le riforme attese del presidente non si sono realizzate. I media occidentali hanno cominciato a speculare che la loro resistenza era paralizzata dall’autorità di Assad. Il suo governo ha effettuato le stesse tattiche di intimidazione di suo padre, facendo uso di processi iniqui, una legge sulla stampa corazzata e forze di sicurezza notoriamente crudeli per mantenere il controllo. Una nuova cricca di imprenditori ha iniziato a formarsi nell’ambito delle politiche neoliberiste di Assad. Hanno assunto il controllo delle maggiori industrie di telecomunicazioni, dell’energia e delle costruzioni.

Nel 2011, il Financial Times ha stimato che il cugino di Assad, Remi Makhlouf, detenga fino al 60 per cento dell’economia nazionale. Anche se le narrazioni multimediali spesso sostengono che il sostegno ad Assad venga dalla sua setta alawita, oggi molti dei sostenitori principali del regime risiedono in questa generazione di tecnocrati – alcuni dei quali sunniti – che hanno trovato la prosperità economica sotto il suo regime. Molti di loro avevano visto anche i loro mezzi di sussistenza migliorare sotto Assad, e non avevano alcun interesse a cambiare lo status quo, anche quando è iniziata la rivolta.

Non appena la rivolta si è trasformata in conflitto, Assad ha iniziato a sfruttare un nuovo racconto popolare per mantenere il sostegno. Si è rimposto come il presunto protettore delle minoranze della Siria. Molti drusi, cristiani e altre minoranze in Siria hanno constatato che l’opposizione non riuscisse a garantire la loro sicurezza.  Mentre gruppi come lo Stato Islamico dell’Iraq e il Levante (ISIL, noto anche come ISIS) cominciavano ad aumentare il potere, il regime di Assad ha alimentato quei sentimenti, presentandosi come l’unico alleato sicuro. Questa tattica si è rivelata efficace a causa della storia della Siria, fatta di tensioni settarie, e per la posizione di Assad come un leader della minoranza.

Assad è diventato un punto focale della speculazione nella guerra civile siriana. Con l’avvento di ISIL, Assad beneficia di un’immagine finale come il cosiddetto “male minore”. Nel confronto pubblico tra Assad e gruppi estremisti di opposizione come ISIL, Assad può fare appello all’Occidente come una presenza disposta a sedersi al tavolo della politica internazionale.

La guerra civile siriana probabilmente continuerà per molto tempo,  i commentatori temono che la comunità internazionale si rivolgerà ad Assad come sua ultima risorsa. Questa possibilità sembra trovare la sua incarnazione nel ministro degli esteri britannico Boris Johnson, che sembra guardare positivamente al governo siriano nonostante consideri Assad un tiranno. La guerra civile è diventata frammentata su entrambi i lati, con milizie pro-regime che guadagnando autonomia
nelle comunità in cui vivono. “Ottenere la fedeltà è molto difficile”, ha detto Landis. “E noi vediamo che l’identità nazionale non è stata abbastanza forte da produrre una forma legittima di governo e di Stato di diritto. Ricostruire uno stato centralizzato è estremamente difficile con la quantità di sangue che è stato versato in Siria oggi”.

Sintesi e traduzione di Giada Martemucci